scoglio

2014,costa_mediterranea-scoglio_web

Siamo un paese di navigatori, ed è così radicata nella nostra cultura che quando c’è un ostacolo si dice ci sia uno scoglio.

Ma lo scoglio è anche una figura a cui si fa riferimento quando si vuole indicare quealcosa di tenace, che resiste alle intemperie del mare: passano gli anni, gli inverni, ma ad ogni estate (visto che andiamo sempre alla stessa spiaggia, allo stesso mare) quello scoglio è sempre lì, male che va un po’ cambiato… ma è lì. In fondo se lo chiedeva anche Mogol.

Gli spaghetti allo scoglio sono così buoni da essere uno dei piatti preferiti persino del commissario Montalbano. Lo scoglio diventa ora buono e restituisce però non il suo sapore, ma quello delle creature che crescono su di esso e del mare che dà loro nutrimento.

I bambini nel pomeriggio di una primavera guardano lo scoglio e giocano a trovarci somiglianza con una qualche creatura bizzarra o ad un volto… e il freddo scoglio diviene spunto di creatività.

In conclusione, ogni scoglio può significare diverse cose. E tu che scoglio sei?