Ossessioni

Per una serie imprecisata di eventi a cascata ti ritrovi lì.
Insomma, non capisci bene il perché, ma ti ritrovi lì.
Ci sei già stato in esplorazione, in perlustrazione, in progettazione e in produzione… sono finiti gli alibi. Cosa cerchi ancora? Cosa vuole quel luogo da te?

Perché quelle due sedie?
E perché quella porta appesa, penzolante, sbieca, appoggiata, volante… ?
E i due appendini? Rossi!

È forse un mio specchio, è forse una metafora di me o è banale fascino e affascinamento.

Misteri.

Ossessioni.

Un grazie a Veronica Puma per lo scatto

ENG

For a series of unspecified events you find yourself there.
Well, you don’t understand quite well why, but you find yourself there.
You’ve already been in exploration, on patrol, in projecting and production now alibis are over. What do you still look for? What do that place want from you?

Why those two chairs?
And why the door hanging, dangling, slanting, resting, flying ?
And the two hangers? Reds!

Maybe it is a mirror of myself, maybe it’s a metaphor of me or it’s banal charm and fascination.

Mysteries.

Obsessions.

Thanks to Veronica Puma for the click.

2015-ossessioni_web