difesa

La morte ci sconvolge.

Non si può tollerare che sul punto di realizzare un sogno si muoia.

Ma forse questo stesso pensiero è utile al fine della repressione di questi popoli in fuga e la conservazione della nostra mediocre e finta ricchezza.

Ci difendiamo mandando in avamposto nel deserto eserciti a respingere le “orde” di barbari del sud, ci difendiamo addestrando polizie razziste appena  fuori dalla frontiera, ci difendiamo accompagnando in porto chi ha resistito a tutto ciò.

Saranno forti manovali da poter sfruttare al meglio.

Chi resta nel mare è spazzatura, basta attraversare la strada ed è lì.

2014, mare - attraversamento pedonale

vistipensati | photoblog

Odia Ade
Dove sono i miei occhi?
tragedia annunciata
Incomprensibile
il tempo di vita